HomeArticles Posted by Luca Maria Pedrotti Dell'Acqua (Page 13)
Luca Maria Pedrotti Dell'Acqua / Author

mail4@test.it

I semplici assistono, per quanto loro riesce dato che la comunicazione è quella che è, alle vicende della Curia vaticana con le perplessità verosimilmente derivanti da un errore in cui si incappa naturaliter: ritenere che i rapporti fra sacerdoti siano privilegiati rispetto a quelli dei laici comuni ove più facilmente, a differenza dei primi, avrebbe modo di attecchire la gramigna della terra. Forse non sempre è così neanche nell’unica istituzione ancora esistente il cui monarca riferisce solo e direttamente all’Altissimo e non certo nel modo strumentale in cui, nella storia, i potenti sul trono facevano -o cercavano di fare- derivare ad

Rigor Mortis I pendolari della politica avanti e indietro. Il paese dei campanelli La UE si sveglia e s’impone suggerendo di non vendere (più) gommoni e fuoribordo a libici sospetti di aderire al traffico umano. Memento Sempre e inevitabilmente ognuno di noi sottovaluta il numero di individui stupidi in circolazione (Prima Legge Fondamentale di Carlo M. Cipolla).  

La Autorità garante della concorrenza e del mercato, più in breve nota come AGCM o Antitrust, ha espresso un parere ai sensi dell’art. 21 della legge 287/1990 (istitutiva della funzione) le cui condizioni d’uso consistono nel potere di pubblica segnalazione, rivolta in particolare alle Istituzioni affinché provvedano, a fronte di casi di particolare rilevanza che determinano distorsioni

Sembra, da attendibili notizie di stampa, che all’istanza della famiglia della quindicenne scomparsa trentaquattro anni or sono, della quale non si ha più avuto notizia alcuna, di poter accedere ad un fascicolo riservato che dovrebbe trovarsi in Vaticano sia pervenuto in risposta a stretto giro di posta dal Sostituto per gli affari generali della Segreteria di Stato un laconico “Per noi il caso è chiuso”. Ora, a parte il merito che è -e rimane- ignoto ed è competenza degli avvocati della famiglia, una siffatta risposta è da aspettarsela da parte di qualcuno di quei molteplici garbati potenti di turno che imperversano,

Il vertice di Tallin della scorsa settimana non ha prodotto alcunché, secondo il nostro ministro, perché era una riunione informale: ne sa di certo più di noi anche se le sedi ufficiali non sembra abbiano fino ad ora dato prove migliori e la storia insegni che non esiste una modalità standard per arrivare alle intese queste dipendendo, anche, dai negoziatori e da chi, essi, hanno dietro alle spalle

Ad onta dell’essere, il trasporto o la mobilità pubblica delle persone, uno dei parametri più significativi per valutare il grado di civilizzazione di un territorio, almeno fino a quando qualche smart innovazione non lo relegherà nella soffitta dell’ultimo secolo, continua esso a permanere fra i settori più negletti. Oltre che con minore attrazione politica a motivo del fatto di essere costituito