Approfondimento

Contributi e collaborazioni in campo scientifico che non intende limitarsi solo ai perimetri di conoscenza più certamente e tradizionalmente di ordine medico, ma anche interrogare con gentilezza e senza presunzione quanto si conosce meno. Santorio si avventurò nell’ignoto e costruì il ponte che dalla magia condusse alla medicina moderna.

Totale articoli: 40

La prostata è una ghiandola di dimensioni e forma di una noce, che fa parte del sistema riproduttivo maschile. È posizionata nella pelvi, sotto la vescica e di fronte al retto e la sua funzione è quella di produrre ed emettere il liquido seminale, un liquido lattiginoso che nutre e trasporta gli spermatozoi dai testicoli al pene dove viene emesso con l’eiaculazione. La prostata circonda parte dell’

La Fondazione, che ha fra i propri scopi anche l’umanesimo applicato alla scienza e più in generale al benessere della persona, riprende la pratica della meditazione che molto interesse ha suscitato negli incontri già dedicatile nel marzo 2017. La maestra è sempre Elena Greggia, orientalista e ricercatrice che collabora con la rivista della Fondazione Dialogando, la quale propone un

La Fondazione Comel, che ha fra i propri scopi la coltivazione dell’umanesimo in prospettiva del benessere nelle sue varie forme, ha già organizzato nel corso dell’anno, un training di meditazione che è stato accolto con interesse e attenzione. Considerato il successo ottenuto dall’iniziativa sta ora programmandone una ripresa, nei prossimi mesi, che consisterà in un training di

Francesco papa ha indirizzato un messaggio a mons. Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la Vita, e per esso a tutti i partecipanti al Meeting della World Medical Association che si è tenuto sul ‘Fine-Vita’ il 16-17 novembre scorso in Vaticano. Considerato che sulla stampa del giorno dopo tutti, o quasi, sottolineavano come il pontefice avesse dato ragione alle proprie

Stephen Hawking, professore di matematica e fisica teorica a Cambridge, il più grande (e noto) degli astrofisici viventi cui si devono visioni e teorie cosmologiche vertiginose (l’universo originato da una singolarità, buchi neri ed entropia, possibile unificazione di Relatività generale e meccanica quantistica che porterebbe alla c. d. Teoria del Tutto, buchi neri in miniatura o bianco-caldi, destino delle informazioni contenute nelle particelle che finiscono nei buchi neri etc.) ha proposto alcuni anni fa, in occasione del suo libro The Grand Design, l’idea che l’universo può essersi creato da sé, può essersi creato dal niente e, di conseguenza, non è

L’Università di Cambridge, la cui biblioteca di oltre seicento anni già custodisce le carte di altri grandi come Isaac Newton e Charles Darwin, ha reso disponibile in formato digitale via Open Access la tesi (1966, Properties of expanding universes) del professor Stephen Hawking, professore di matematica e fisica teorica e verosimilmente il più noto oltre che grande fra gli astro-fisici viventi, lavoro cui gli esperti conferiscono la dignità di pietra miliare. In 24 ore si sono registrati, sul sito, oltre sessantamila accessi per il download del documento e il sistema si è fermato bisognoso di un intervento di manutenzione straordinaria