HomeDialogandoDal Mondo SanitarioVaccini: l’obbligo efficiente per ampie coperture, ma crea problemi

Vaccini: l’obbligo efficiente per ampie coperture, ma crea problemi

L’obbligatorietà è dal punto di vista della sanità pubblica il sistema sicuramente più efficiente per raggiungere grandi coperture” ha dichiarato a RAI 3 (Agorà) Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università degli studi di Milano, in risposta alla domanda se sia necessario rendere obbligatorio il vaccino antinfluenzale per alcune categorie a rischio al fine di non sovraccaricare il sistema sanitario.

Tuttavia “crea problemi, vediamo no mask, no vax che continuano a imperversare in modo assurdo e tutto questo ovviamente rende più difficile l’adesione a un obbligo“. “Io ho collaborato a sviluppare diversi vaccini. Per me – ha precisato Pregliasco – è stata sempre una preoccupazione e un’opportunità quella di dire tutti devono vaccinarsi contro l’influenza“.

Per farlo, “è fondamentale il consenso“. Ad oggi, però, “solo circa il 50% degli ultra sessantacinquenni si vaccina contro l’influenza. Quest’anno farlo è davvero necessario e speriamo ci siano le dosi“. Per aumentare l’adesione alle vaccinazioni per la prima infanzia, ha concluso, “è stata fondamentale la legge Lorenzin perché con l’obbligatorietà ha dato uno scossone a una tendenza negativa che in quegli anni si era un po’ evidenziata. Pur con le polemiche, almeno abbiamo ottenuto degli ottimi risultati su tutto il versante preventivo“.

(ex Ansa Salute)

Print Friendly, PDF & Email