HomePubblicazioniDialogandoDal Mondo Sanitario (Page 2)

Dal Mondo Sanitario

Sono poche e brevi notizie di aggiornamento tratte, a cura della redazione, dalle numerose e sempre vivaci informazioni che attraversano il campo della ricerca, della scoperta, della sperimentazione e, in sostanza, della speranza che è il motore primo del progresso sia scientifico sia medico.

Totale articoli: 48

Pubblicata sulla rivista BMC Cancer, una ricerca condotta dall’Università di Zurigo e dalla Adelaide Medical School su dati a livello mondiale (178 Paesi) comunica che i componenti di famiglie numerose corrono minor rischio di ammalarsi di cancro. La connessione tra minor rischio di tumori e numerosità della famiglia era già emersa per le donne, in particolare per il tumore del seno e

Secondo una ricerca pubblicata su Enviromental – Science & Technology – ogni anno l’essere umano ingerisce circa 32.000 microplastiche, minuscoli pezzetti dei rifiuti presenti nel mare o nell’aria che si finisce per bere, mangiare o anche solo respirare. Secondo un articolo di Quartz, circa 2000 microplastiche l’anno giungono all’organismo tramite il sale da cucina. Da uno studio

È stata inaugurata la sala per il teleconsulto della cardiologia pediatrica dell'ospedale pediatrico Meyer, promossa dai Lions toscani e realizzata dalla Fondazione Toscana Gabriele Monasterio: una rete con proprie installazioni in 13 ospedali toscani.

L’Autorità Nazionale Anticorruzione ha realizzato un’indagine conoscitiva sui meccanismi di approvvigionamento dei dispositivi medici per l’autocontrollo e l’autogestione del diabete mellito, per la cui fornitura la spesa

Iarc, agenzia dell'Oms sui tumori, ha rilasciato uno studio (dati 2012) pubblicato su Lancet che registra circa un milione di casi di cancro nei soggetti giovani adulti (da 20 a 39 anni) con circa 400mila morti. I tipi di tumore più comuni in termini di nuovi casi sono al seno seguiti da quelli alla cervice, prevenibili -almeno in parte- con la vaccinazione per l'Hpv, e quelli alla tiroide. L’effetto è maggiore per le donne (65% dei nuovi casi e 54% delle morti) e la prospettiva si sposta naturalmente a sensibilizzare il pubblico e gli operatori professionali in termini di un

Secondo uno studio della Monash University di Melbourne pubblicato sul Journal of the American Geriatrics Society